PROGETTO “VIVI, SOLDATE!”

I fondatori e partecipanti attivi del progetto nazionale di beneficenza per restituire la qualità della vita dei feriti in zone di conflitto in Ucraina “Vivi, soldate!” sono Science Center “Veritas” e ONG “Alceste” che invitano a partecipare a questo progetto di beneficenza per dare assistenza ai giovani militari.

L’obiettivo principale del progetto nazionale “Vivi, soldate!” è di far tornare alla vita normale i feriti di guerra attraverso la fornitura di protesi di ultima generazione e  supporto nella riabilitazione fisica e morale a lungo termine a più livelli: medico, sociale e professionale.

“Vivi, soldate!” è un progetto internazionale e l’Italia sin dall’inizio ha preso parte attiva nella ricerca di strutture pubbliche e private nazionali che potessero offrire servizi adeguati di protesizzazione e riabilitazione dei giovani militari ucraini mutilati.

I fondatori e partecipanti attivi del progetto nazionale di beneficenza per restituire la qualità della vita dei feriti in zone di conflitto in Ucraina “Vivi, soldate!” sono Science Center “Veritas” e ONG “Alceste” che invitano a partecipare a questo progetto di beneficenza per dare assistenza ai giovani militari.

L’obiettivo principale del progetto nazionale “Vivi, soldate!” è di far tornare alla vita normale i feriti di guerra attraverso la fornitura di protesi di ultima generazione e  supporto nella riabilitazione fisica e morale a lungo termine a più livelli: medico, sociale e professionale.

“Vivi, soldate!” è un progetto internazionale e l’Italia sin dall’inizio ha preso parte attiva nella ricerca di strutture pubbliche e private nazionali che potessero offrire servizi adeguati di protesizzazione e riabilitazione dei giovani militari ucraini mutilati.

La società di servizi di supporto alla nostra Camera,  International Consulting, è stata in grado di mettere in contatto con il Governo Ucraino l’azienda Corpora srl di Caserta (protesi) e il Centro Riabilitativo “Angeli di Padre Pio”  di San Giovanni Rotondo (FG) e tra il mese di luglio e settembre 2015 arriveranno in Italia i primi 13 militari ucraini  per iniziare il loro percorso personalizzato sia per il montaggio delle protesi che per la riabilitazione della capacità motoria.

Dal 2014 e fino ad oggi con il costante sostegno della CIBFEA rappresentata dal Segretario Territoriale in Ucraina Dott.ssa Alla Romashko sono stati realizzati i seguenti step nell’ambito del progetto “Vivi, soldate!”:

  1. il progetto parte alla fine del mese di ottobre e International Consulting ha partecipato alla fiera medica di Kiev, dove l’azienda Corpora è stata unica che abbia presentato delle protesi;
  1. nei primi giorni di novembre preso una clinica di Kiev è stato creato il gruppo protesico per i feriti nella zona del conflitto con lo scopo di esaminare la situazione e raccogliere i problemi esistenti; una volta al mese i professionisti si incontrano gratuitamente con le persone che hanno bisogna delle protesi;
  1. il 6 novembre abbiamo incontrato i rappresentanti del Ministero della Salute d’Ucraina;
  1. il 11 novembre abbiamo incontrato il capo della direzione PMI della Banca Europea di Ricostruzione e Sviluppo, Dott. Anton Usov. Abbiamo discusso le possibilità di finanziamento dei progetti dedicati al settore medicinale e siamo stati indirizzati all’UNDP (United Nations Development Programme in Uraine);
  1. sempre a novembre abbiamo incontrato l’Ambascatore d’Italia a Kiev ed abbiamo ricevuto la sua approvazione per lo sviluppo del progetto e la sua disponibilità di darci ogni sostegno necessario;
  1. abbiamo avuto numerosi incontri con gli interessati della città di Kiev: farmacie, centri ortopedici, negozi specializzati e punti vendita per esaminare il mercato e per creare una rete specializzata:
  2. abbiamo partecipato a diverse Tavole Rotonde con tutti gli interessati a prendere parte nel Progetto: rappresentanti istituzionali, medici specializzati, produttori di sistemi medicali, famiglie dei feriti, stampa, ecc.;
  1. a febbraio una delegazione italiana composta dalla Direzione Generale della Fondazione Angeli di Padre Pio, e dal General Manager di Corpora è stata ufficialmente in missione a Kiev per presentarsi ufficialmente ai Rappresentanti del Governo Ucraino e nello specifico al Servizio Statale che cura la contrattualistica relativa all’invio dei militari feriti al’estero. In tale occasione sono stati visitati i principali ospedali statali di Kiev dove vengono ricoverati i militari feriti. La delegazione è stata ricevuta ovviamente dall’Ambasciatore italiano a Kiev ed in tale occasione Corpora Srl ha manifestato l’intento ad aprire un centro di assistenza protesico a Kiev che fornirà ulteriore assistenza ai militari protesizzati in Italia.

FINANZIAMENTI EUROPEI IN ROMANIA

A luglio approvati tutti i finanziamenti della programmazione europea 2014-220 tranne quelli per la pesca. (ICE) – ROMA, 23 GIU – Come affermato dal ministro dei fondi europei, Marius Nica, in una recente conferenza, nel mese di luglio, tutti i programmi operativi della programmazione dei fondi UE 2014-2020 saranno approvati.
“Non ci sono Paesi che hanno speso finora finanziamenti dell’esercizio 2014-2020. Ci sono, tuttavia, paesi che hanno ricevuto i primi importi per i programmi relativi a questo periodo, tra cui anche la Romania e mi riferisco al Ministero delle Finanze”, ha spiegato Nica.
L’unico programma che non sarà approvato questa estate sarà quello relativo alla pesca, che dispone di finanziamenti piuttosto bassi e sara’ approvato nel mese di settembre.
Il ministro ha precisato che questa settimana la Commissione Europea dovrebbe approvare il Programma Operativo Regionale, mentre il Programma Operativo Grande Infrastruttura dovrebbe essere approvato intorno al 1-15 luglio.
Come richiesto della Commissione Europea, la Romania ha implementato misure di semplificazione delle procedure tra quali lo sviluppo di uno strumento elettronico progettato per la fase di attuazione dei progetti che sara’ testato questa settimana a livello del Ministero e successivamente dal pubblico.
“Inizieremo con il Programma di Sviluppo delle Risorse Umane e Competitività e a partire dal 27 giugno sara’ aperta la sessione di presentazione dei primi progetti nell’ambito della programmazione 2014-2020”, ha precisato Marius Nica.
(ICE BUCAREST)

APPALTI PUBBLICI IN ROMANIA

Si lavora ad un nuovo quadro giuridico per gli appalti pubblici in Romania

(ICE) – ROMA, 22 GIU – E’ in corso di istituzione il quadro necessario all’implementazione delle direttive europee in materia di appalti pubblici e dei contratti di concessione in Romania, in vista soprattutto della prevenzione delle frodi nel settore.

Il nuovo pacchetto europeo che include la direttiva 2014/23 / Direttiva UE 2014/24 / UE, la direttiva 2014/25 / UE del Parlamento e del Consiglio Europeo del 26 febbraio 2014 mira ad aumentare la trasparenza delle procedure attraverso l’implementazione delle seguenti misure: generalizzazione dell’utilizzo della pratica dell’e-procurement (acquisti in sistema elettronico); realizzazione di un quadro giuridico per i contratti di concessione; introduzione di auto-dichiarazioni standard per gli offerenti in Europa; miglioramento e ampliamento delle cause di esclusione dal procedimento degli offerenti che hanno cercato di influenzare l’amministrazione aggiudicatrice.

Al fine di scoraggiare tali pratiche è stato introdotto un indicatore di frode, chiamato “red flag” che segnala la necessità di una maggiore attenzione alla possibilità di esclusione per motivi di frode.

Il direttore dell’Agenzia Nazionale per la Regolamentazione e il Monitoraggio degli Acquisti Pubblici della Romania (ANRMAP), Eduard Badea, ha recentemente spiegato che a livello nazionale saranno quattro le leggi necessarie all’attuazione delle direttive europee, di cui una legge separata per la risoluzione delle contestazioni.

Tali leggi potranno garantire la qualità del quadro giuridico, la coerenza e l’efficacia del sistema istituzionale generale; la regolarità e la qualità delle procedure di acquisto pubblico, lo sviluppo della capacità amministrativa degli appalti pubblici con particolare attenzione a questioni professionali di integrità e di stimolo di una concorrenza effettiva.

(ICE BUCAREST)

COUNTRY PRESENTATION BULGARIA

“Country Presentation Bulgaria in occasione di EXPO 2015”: la Camera di Commercio Italiana in Bulgaria, su mandato del Ministero dell’Economia bulgaro, riceve la gestione ed il coordinamento dell’iniziativa promozionale del Paese in Italia, in collaborazione con le Istituzioni Italiane e bulgare ed in partnership con le Aziende interessate a parteciparVi.
La Camera di Commercio Italiana in Bulgaria è lieta di annunciare che dal 7 al 12 settembre prossimo si svolgerà a Milano una Country Presentation Bulgaria in occasione di EXPO 2015, un’iniziativa promozionale ideata dalla struttura camerale, presentata e condivisa con il Ministero dell’Economia della Repubblica di Bulgaria con l’obiettivo di accrescere le opportunità di business tra le PMI bulgare ed italiane ed al contempo farsì che la Bulgaria riveli ancor più il suo ruolo stragico nell’Area dei Balcani, malgrado le recenti disposizioni governative di rinuncia alla partecipazione all’Esposizione Universale di Milano – EXPO 2015. Essere partecipe durante il semestre del più grande evento mai realizzato sull’alimentazione e la nutrizione per il quale si attendono circa 20 milioni di visitatori, potrà stimolare ulteriormente le aziende bulgare e permettere al Paese di mantenere la sua posizione strategica nell’Area dei Balcani ed in Europa.
L’iniziativa promozionale era stata annunciata anche in occasione del Convegno Economico “Italia-Bulgaria: insieme per la crescita” tenutosi il 14 aprile a Sofia dal Sottosegretario agli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale, Sen. Benedetto della Vedova che la definisce come “un’ulteriore opportunità di sviluppo economico e di rilancio degli investimenti esteri nel Paese quale destinazione attrattiva dell’area Est Europa”. “La Camera di Commercio Italiana in Bulgaria si farà promotrice di iniziative promozionali a supporto dell’internazionalizzazione delle PMI italiane e bulgare in occasione di Expo per far sì che aumenti al contempo l’interscambio commerciale tra i nostri Paesi” continua Della Vedova.
“L’idea progettuale è innanzitutto il prosieguo della storica e costante partecipazione di collettive bulgare alle principali manifestazioni fieristiche che hanno luogo annualmente nella città di Milano e per le quali la Camera di Commercio Italiana in Bulgaria assicura ogni anno più di 300 operatori economici ed aziende agli incontri d’affari con le controparti italiane”, spiega il Presidente della Camera di Commercio, Marco Montecchi nel corso del Convegno Economico tenutosi lo scorso 14 aprile a Sofia. A ciò aggiungo il fatto che da più di due anni, la strategia camerale si è maggiormente orientata sullo sviluppo di progetti promozionali ad alto valore aggiunto finalizzati ad accelerare il processo di crescita delle PMI sul mercato locale e favorire l’internazionalizzazione delle piccole e medie imprese bulgare in Italia, ovviamente di concerto con le Istituzioni italiane e bulgare.
L’iniziativa promozionale è anche il frutto di una proficua collaborazione con Promos Milano, l’Azienda Speciale della Camera di Commercio di Milano e con tutte le Associazioni di categoria, sistema confindustriale, Consolato Generale della Repubblica di Bulgaria a Milano, Consolato Onorario della Repubblica di Bulgaria per la Regione Lombardia e l’Ambasciata della Repubblica di Bulgaria a Roma, con le quali la Camera di Commercio Italiana in Bulgaria lavorerà per il successo del progetto “Country Presentation Bulgaria in occasione di EXPO 2015”.